29 marzo 2006

Macroprogetti... and more


Ci sono progetti grandi, grandissimi, a volte "macro" come li chiamo io. Quello annunciato lo scorso lunedì è così grosso che merita una categoria a parte.
Ci ho lavorato per mesi, mettendo assieme un accordo che non ha paragoni nella mia carriera quanto a complessità, ambizione e visionarietà. Spesso in questo blog, tra le righe, ho inserito riferimenti a questa "big thing" su cui lavoravo, ed eccovela nello splendore del comunicato stampa che vi riporto integralmente, e che rende in minima parte il lavorio e il lavoro dietro all'accordo firmato dal sottoscritto e dalla Marvel in questi giorni.


PANINI E MARVEL RINNOVANO IL PROPRIO ACCORDO DI PUBBLICAZIONE IN ESCLUSIVA PER L’EUROPA E L’AMERICA LATINA

L’ENTERTAINMENT COMPANY LEADER NEL SETTORE E L’EDITORE ITALIANO UNISCONO LE PROPRIE FORZE ANCHE PER PROGETTARE NUOVE PUBBLICAZIONI

Panini S.p.A e Marvel Entertainment Inc., hanno annunciato oggi di aver rinnovato ed ampliato i propri accordi di pubblicazione riguardanti Marvel Comics, secondo cui Panini detiene i diritti di traduzione e pubblicazione in esclusiva per l’Europa e alcuni paesi dell’America Latina di tutti gli albi a fumetti, i volumi, le graphic-novel, le enciclopedie e i libri illustrati pubblicati da Marvel negli Stai Uniti. A rendere noto il nuovo accordo sono stati Marco Lupoi, Direttore responsabile ed editoriale di Panini Comics, e Bruno Maglione, Presidente di Marvel Entertainment International.

Particolarmente degno di nota in questo rinnovato accordo è l’ambizioso progetto di espansione editoriale secondo cui a Panini verrà consentito di realizzare, sotto la supervisione creativa di Marvel, nuovi contenuti. Panini continuerà a sviluppare le fortunatissime riviste per bambini Spectacular Spider-Man e Marvel Rampage, diffondendole negli altri territori compresi nell’accordo di licenza sotto vari formati, incluse le raccolte in volume e le antologie. Inoltre Panini realizzerà una terza testata mirata al pubblico dei lettori più giovani, oltre a sviluppare nuove storie brevi in formato striscia di contenuto Marvel per la diffusione su quotidiani e periodici in tutto il territorio coperto dalla licenza.

Infine, Panini pubblicherà una serie di nuovi progetti Marvel di rilievo, intesi specificamente per il mercato internazionale, tra cui:

• Due miniserie, una di X-Men e una del Giovane Dr Strange, realizzate da Red Whale, lo studio di artisti autori della fortunatissima serie Disney, W.I.T.C.H. nonché acclamati creatori dei fumetti di Monster Allergy.

• Una graphic-novel che vede protagonisti le ragazze del team X-Men, scritta dal leggendario autore degli X-Men, Chris Claremont e illustrata dal popolarissimo illustratore italiano Milo Manara.

• Una graphic-novel di Wolverine scritta da Jean-David Morvan e illustrata da Philippe Buchet, due delle principali star dell’editoria a fumetti francese, autori della fortunata serie Sillage.

• Una graphic-novel Daredevil/Capitan America scritta da Tito Faraci e disegnata da Claudio Villa, disegnatore di punta del leggendario e popolarissimo fumetto italiano Tex.

• Una raccolta completa delle strisce quotidiane e tavole domenicali di Spider Man di Stan Lee e John Romita, pubblicate originariamente nel 1977-1980 e finora mai ristampate nella loro totalità.

Marco M. Lupoi, Direttore responsabile ed editoriale di Panini Comics, ha commentato “Questo accordo a lungo termine rafforza enormemente la nostra alleanza con Marvel, promuovendola a un nuovo livello di collaborazione. Iniziative editoriali di questo genere sono pionieristiche, alquanto insolite per il mondo dell’editoria a fumetti e rappresentano l’esempio ideale delle sinergie creative che possono realizzarsi tra un eccezionale repertorio di personaggi leggendari, quali gli eroi Marvel, e il know-how di un editore come la Panini, leader nel settore delle pubblicazioni di fumetti e riviste, e al contempo dotato di una specifica sensibilità europea”.

Bruno Maglione, Presidente della Marvel Entertainment International ha aggiunto “Panini è stato per noi, nel corso degli ultimi anni, un partner editoriale decisamente vantaggioso, in perfetta sintonia con la nostra strategia per sviluppare e promuovere in campo internazionale il brand Marvel. In particolare, ci aspettiamo molto da tutti i progetti locali, in accordo con il nuovo sguardo globale di Marvel,l e la volontà di lavorare con i migliori talenti creativi di ogni parte del mondo per sviluppare contenuti Marvel in grado di appassionare ogni genere di pubblico.”

I titoli Marvel Comics vengono attualmente pubblicati da Panini in 22 differenti lingue in 34 paesi (che aumenteranno a 37 secondo il nuovo accordo), con un piano editoriale di quasi 2.000 testate previste per l’anno 2006. Il Gruppo Panini, con quartier generale a Modena e sedi distaccate in Europa e America Latina, è leader mondiale nel settore delle figurine e delle carte collezionabili, principale editore multi-nazionale nel campo dei fumetti, manga e anime su DVD in Europa e America Latina, nonché il più importante distributore di fumetti e graphic-novel per il settore delle librerie specializzate in Italia. Nel 2005 il Gruppo Panini ha realizzato un fatturato di circa 400 milioni di Euro, con una presenza distributiva in oltre 100 paesi e uno staff di 640 persone.

Per informazioni contattare: Panini S.p.A. Viale Emilio Po, 380 - 41100, Modena, Italia. info@paninigroup.com o visitate www.paninigroup.com o www.paninicomics.it.


Con un patrimonio di oltre 5.000 personaggi, Marvel Entertainment, Inc. (NYSE: MVL) è una delle principali character based entertainment companies a livello mondiale. Le strategie di Marvel si basano principalmente sulla gestione delle licenze di questi personaggi nei campi dell’intrattenimento, dell’editoria e dei giocattoli. Fra i settori di maggiore importanza ci sono produzioni cinematografiche, DVD/home video, prodotti di consumo, videogiochi, action-figures e giochi di ruolo, produzioni televisive e pubblicità. Solidamente radicata nella propria tradizione di editore di fumetti con oltre sessant’anni di successo alle spalle, la strategia della Marvel intende perseguire sul mercato mondiale una serie crescente di opportunità, basandosi sulle licenze dei propri personaggi. Per ogni ulteriore informazione visitate il sito www.marvel.com.

18 commenti:

foolys ha detto...

sono commosso:)

Botolo ha detto...

MML sono contento del nuovo accordo, ma qualche cosa mi sfugge, probabilmente perché sono fuori dalle dinamiche editoriali. L'accordo di licensing Marvel/Panini c'era già, dei prodotti made in italy si sapeva già da tempo (fin dai tempi della storia di UR di Faraci e comunque notizie continuavano a fioccare sui nuovi progetti che sembravano un corretto prolungamento della storia UR di cui sopra), della raccolta di strip non mi pare una cosa enorme...cosa c'è quindi, di estremamente nuovo, in questo accordo? Non sono assolutamente polemico...è solo che pochi giorni fa Mr Bongo aveva annunciato UNA BOMBA e questa agli occhi di noi appassionati non sembra una bomba ma una cosa già esistente o comunque risaputa...ciao!

Anonimo ha detto...

Faccio anch'io un po' fatica a vedere la grande notizia o la visionarietà della cosa. Si incomincia a produrre materiale Marvel anche in Europa, e allora? Forse ha per te, MML, un significato diverso, perchè potrebbe preludere a ulteriori passi di carriera, ma per il resto...BOH!?! Bella la foro dell'Uomo Ragno...

Giovanni O. ha detto...

Oh ragazzi...qui invece le cose cambiano! E' vero che c'è stato l'episodio dell'UR di Faraci e Cavazzano, ma qui stiamo parlando dell'inizio di una produzione Marvel europea che avrà il suo peso nella continuity, che porterà anche alla nascita di personaggi nuovi, ne sono convinto! Non più solo traduzione di storie ma creazione...la differenza mi pare sia molto palpabile!
E poi non sarebbe bello vedere il sommo MML un giorno a capo della MARVEL al posto di Quesada...chissà se poi ti ricorderai di noi, instancabili lettori del tuo blog, caro Marco?
Io penso di sì...

Vittorio ha detto...

Alla grande,MML...ma la graphic novel di Claremont e Manara non doveva essere colorata dal grandissimo Liberatore???

foolys ha detto...

mi sembra davvero che non ci si accontenti mai e che si sia perso un pò del sano entusiasmo da semplice lettore...ricordo che quando aprì la Marvel UK e iniziò a produrre fumetti qui in Italia eravamo tutti eccitati, adesso che iniziamo a fare qualcosa invece sono due giorni che leggo delusioni e polemiche...è vero che mr bongo aveva pompato la cosa in maniera eccessiva, ma da lì a dire che questo è un passo che serve solo a fare avanzare di ruolo Marco mi sembra una bella cattiveria...

Anonimo ha detto...

Puoi raccontarci qualcosa sul "progetto segreto" Marvel Europa? ;)

Idras ha detto...

credo che per un fan della marvel non cambi molto...
se una storia è scritta e disegnata bene rimane valida
sia che la realizzino autori stranieri o autori italiani...
credo che la grossa differenza. invece, sarà l'opportunità
per gli autori italiani di proporsi, di realizzare, di confrontarsi su personaggi che sono sempre stati un sogno nel cassetto...
è vero che già qualche italiano lavora per gli americani ma i rapporti diretti e la possibilità propositiva in questa maniera dovrebbero essere agevolati...
E' chiaro che MML e Paninicomics, a questo punto dovranno concentrarsi sull'estrema qualità delle proprie proposte
riguardanti l'ambito marvel...
E per fare questo non basta pensare ai nomi di grandi professionisti italiani o europei ma, piuttosto, a quelli che si intuisca possano essere particolarmente in sintonia con i modi e i tempi della narrazione stile marvel...
Si vedrà...
Per me, comunque, è una gran bella notizia...

Forfello ha detto...

La notizia, effettivamente, mi ha lasciato un pò freddino, visto l'hype che Mr. Bongo aveva creato attorno alla faccenda. Qualcosa già si sapeva, qualcos'altro sembra indirizzato ad un pubblico più giovane, insomma non mi sembra ci sia qualcosa per me....
Capisco però l'entusiasmo di Marco che sicuramente avrà lavorato giorno e notte per proporre progetti di respiro internazionale, con nomi di un certo livello. In cuor mio spero che l'iniziativa abbia successo e che sia l'apripista per progetti che coinvolgano anche nomi meno noti. Insomma una testa di ponte per qualche autore nostrano esordiente o quasi. Ma è presto per dirlo...

Botolo ha detto...

Forfello ha ragione. Grazie mille a MML per il lavoro, sicuramente tanto, che ha fatto per questa cosa! Che poi non sia per noi una NOVITA' allucinante pazienza...noi fan speravamo altre cose (la Panini che prendeva i diritti DC, nuove formule di vendita e pubblicazione e altro).

Però MML è e rimane il mio mito, da quel lontano giorno in cui lo vidi per la prima volta al circolo Arci di Cremona ad una presentazione sull'UR!!! Ero piccolo, leggevo da poco l'UR della Star ed ero convinto che il sommo MML fosse uguale a Peter Parker.

Botolo ha detto...

Ragazzi, a forza di parlare di MML mi è venuta voglia di scrivere due righe su di lui e su quello che penso di lui. Se avete voglia e tempo andate a dare una occhiata al mio blog e ditemi che ne pensate :-)
http://www.botolo.net

Debris ha detto...

Signor Lupoi mi scusi se il commento non riguarda l'oggetto del post ( peraltro felicitazioni) ma necessariamente devo farle una domanda: nei forum di MTV gli amministratori del forum medesimo hanno informato gli utenti che MTV inizierà a trasmettere la serie anime Full metal panic,probabilmente una delle migliori in assoluto,dall'11 aprile 2006 si tratta di un perfidoscherzo,la serie è ben attesa da tutti o c'è del vero??
Un comunicato ufficiale da parte della marvel panini si impone ( anche sein genere i moderatori di MTV non sono usi a parlar a vanvera.)
Fonte le news di Animeclick
http://animeclick.nipogames.com/anime.php?id=4324¬izia=1

e mangaitalia:

http://www.mangaitalia.it/board/viewnews.php?newsid=36705

La ringrazio anticipatamente e mi scuso per l'inappropriatezza dell'intervento.
Debris

Anonimo ha detto...

Ma quale cattiveria! Auguro a MML di fare tante cose ed e' chiaro a tutti che e' bravissimo. Ma ,mi sembra che con tutta la nostra tradizione fumettistica italiana, esaltarsi perche' si incomincia produre qualcosa in Italia di Marvel sia francamente eccessivo.

dvfabio ha detto...

Credo che Bongo, forse, abbia enfatizzato troppo la cosa, installando in noi una aspettativa squilibrata.

Sempre che si stia parlando della stessa "bomba"!

Fabrizio ha detto...

...propongo di affidare un X-book in continuity prodotto in Italia (magari supervisionato da Lucas...) a Claremont per i prossimi dieci anni, in modo tale che lo lascino scrivere sulla stessa testata per un lungo periodo di tempo, in cui riesce ad esprimere il suo meglio, anzichè spostarlo da un titolo ad un'altro sempre troppo presto...

foolys ha detto...

sarò stupido io, ma continuo invece a pensare che solo fare qualcosa in Italia può essere il completamento di un ciclo, dunque solo questo poteva essere il culmine massimo da raggiungere per la Panini...alla fine le notizie grosse le abbiamo sempre importate e così continuerà ad accadere, insomma, non è che si sconvolgerà il mercato americano, ma è l'unico modo per farne parte direttamente, meglio di così, scusatemi, ma non vedo altro...

Anonimo ha detto...

ma si sa se le storie saranno pubblicate anche in usa o resteranno una produzione per i mercati ai loro occhi minori?

Anonimo ha detto...

Notiziole che mi lasciano totalmente indifferente.
Tutta qua la grande notizia?
M'è bastato "il segreto del vetro".